Come ottenere l’effetto 3D con una matita | StampePress

Come ottenere l’effetto 3D con una matita

Come ottenere l’effetto 3D con una matita

Nell’era del 3D sarebbe impossibile non affezionarsi ad un effetto ottico simile. Il mostro di Loch ness così riprodotto, prende forma dalle mani del disegnatore ed emerge dal foglio in tutta la sua magnificenza.

Inutile dire che per realizzare a matita un drago o una qualsiasi altra immagine altrettanto articolata, occorrano spiccate doti artistiche. Non sono invece necessarie competenze particolari per realizzare una figura in 3D.

Dimenticando per un attimo programmi ad hoc e software tecnici con finalità di progettazione (per es. AutoCAd, Google sketch up, Libre Cad, Envisioneer, etc), questo video diventato subito virale sul web, ci mostra come realizzare il mostro di Loch ness in 3d avvalendosi di un numero limitato di strumenti, tutti rigorosamente manuali. Tracciati i contorni del drago, il disegnatore si concentra sul riempimento ed i dettagli, trasformando l’immagine linea dopo linea, sfumatura dopo sfumatura, proprio sotto i nostri occhi . Più l’immagine risulterà particolareggiata infatti, maggiore sarà l’effetto 3D.

Procedete per gradi:

Dopo aver completato la struttura del disegno, ricalcatene il perimetro con il carboncino in modo da staccare l’immagine dal foglio ed evidenziarne i contorni. Il contrasto tra il pallore del foglio e le linee scure della grafite salterà subito all’occhio, contribuendo ad accentuare l’effetto ottico finale.

Materiale utilizzato:

  1. carta pastello: grigio chiaro
  2. matita grafite H
  3. carboncino bianco e nero
  4. penna gel bianca
  5. pennarello nero
  6. gomma per cancellare

Clicca su mi piace e segui su Facebook tutte le nostre novità

 
Questo Annuncio si chiuderà automaticamente entro 8 secondi

Stampa biglietti da visita su stampepress